Via col vento…

ryanair-683.pngBeh, c’era da aspettarselo. Qualcuno se ne è accorto. Ryanair dovrà pagare ben 500.000 euro di multa o fare ricorso al Tar del Lazio, è quanto ha deciso il garante della concorrenza e del mercato.
Il garante ha evidenziato i trucchetti messi in atto dalla compagnia aerea irlandese che, in apparenza, riusciva a tenere bassi i costi. Ma in maniera che il garante a giudicato fraudolenta. I ribassi erano in parte falsi ed in parte illegittimi. Gli utenti non riuscivano a trovare, sul web, le “vantaggiose” offerte proposte dalla Ryanair. Non solo: messaggi ingannevoli sulla home page della compagnia con propaganda di voli “a basso costo” che non erano, poi, così a basso costo. Quella tariffa, la tariffa bassa, non risultava, alla fine della giostra, mai disponibile.
E non finisce qui. La Ryanair è stata accusata di non aver indicato, nella tariffa offerta, i costi del web check in, il supplemento carta di credito e l’IVA sui voli nazionali. Tutti costi aggiunti automaticamente nel corso di prenotazione del biglietto on-line. Costi che determinano un notevole rialzo del costo del biglietto.
E poi assistenza post vendita inesistente. Gli utenti sono praticamente impossibilitati ad avere assistenza per il rimborso del biglietto (in toto o in parte) in caso di mancata fruizione del volo. Il call center della compagnia irlandese è un servizio a pagamento piuttosto costoso, un 899, per intenderci, e qualche viaggiatore ha dovuto spendere un quasi patrimonio per parlare con un operatore, perchè nel frattempo la sua telefonata gli veniva infarcita di pubblicità come il panino di McDonald è infarcito di salsa di pomodoro.
Cosa farà Ryanair di fronte a tutte queste accuse ben documentate?
Come le stelle non ci resta che stare a guardare.
(fonte: Giornalettismo.com)

Via col vento…ultima modifica: 2011-07-04T18:25:00+02:00da emhotep
Reposta per primo quest’articolo