Bevi la coca cola….

coca-cola-scoiattolo.jpgUna company americana tiene in pugno le sorti e l’economia di un paese. La company è la Coca Cola, il paese è lo Swaziland. L’inchiesta che ha rivelato l’arcano è del giornalista Peter Kenworthy.
Cos’ha questo stato africano da far interessare a sé la multinazionale americana? Punto primo è un forte produttore di canna da zucchero, elmento essenziale per la produzione della bevanda. Punto secondo lo Swaziland è una dittatura. In realtà il dittatore si fa chiamare re, ma è la stessa cosa. Questo re-dittatore, di nome Mswati III è in rapporti di quasi sudditanza con la multinazionale americana.
E, va da se, in un paese dove c’è un re-dittatore non ci sono nemmeno le ombre dei sindacati e tantomeno una stampa libera. Il che vuol dire, in aggiunta, la costante violazione dei diritti dei lavoratori e, ricordiamolo, la Coca Cola vende un miliardo di lattine e bottiglie al giorno.
Kenworthy ha fatto un viaggio nel paese, più precisamente in una piantaggione che si trova nel distretto di Lubombo, ricco di piantaggioni di canna da zucchero. E’ duro il lavoro in una piantaggione, duro ed estremamente faticoso: ci sono molti feriti ed altrettanti morti. A Luobombo lavorano circa 100 persone per un salario ridicolo: il corrispettivo di 41-56 euro al mese. Per non parlare della confisca di terreni operata dalle società che gestiscono gli appezzamenti coltivati a canna da zucchero. Senza contare che, per produrre un litro di Coca Cola, occorrono tre litri d’acqua e le piccole riserve idriche del paese sono state privatizzate. Non si può nemmeno pescare nella diga vicino alla piantaggione, perchè si rischia di essere tradotti nelle patrie galere.
Tutto questo è coperto, solo superficialmente, dai vari “progetti benefici” che servono a gettare fumo negli occhi a tanti che non vogliono andare troppo a fondo. I poveri saranno sempre più poveri ed i ricchi continueranno ad arricchirsi con la povertà dei poveri…

Bevi la coca cola….ultima modifica: 2011-07-04T17:56:53+02:00da emhotep
Reposta per primo quest’articolo